Ultime NEWS sulle GUIDE
Osterie Slow Food 2022

Osterie Slow Food 2022

L’edizione 2022 della guida Osterie d’Italia di Slow Food assegna le Chiocc...
Anteprima Guida Espresso 2020

Anteprima Guida Espresso 2020

Ecco i premiati e tutte le novità della nuova edizione
Chef francese Veyrat rinuncia alle stelle Michelin

Chef francese Veyrat rinuncia alle stelle Michelin: «Siete dei dilettanti»

La furia dello Chef Marc Veyrat si abbatte sugli esperti della guida Michel...
Momento magico per la cucina dei Paesi Nordici

Momento magico per la cucina dei Paesi Nordici

Dopo il primo posto conquistato dalla Danimarca al Bocuse d'Or la guida Mic...

Amate il pianeta food in ogni suo aspetto e avete uno sguardo aperto, curioso e critico per sondarne tutti i dettagli?
L'Associazione ha bisogno di appassionati come te. Ma non occorre solo passione. Il critico gastronomico è una figura scevra da preconcetti, simpatie o antipatie, che sappia comprendere le difficoltà dell’altra parte senza necessariamente giustificare. Insomma, la nostra sono guide che parlano di food, in ogni suo aspetto, compreso il contesto in cui viene servito.
Se ti senti pronto, se sei disposto a metterti in gioco e hai voglia di partecipare, allora sei la persona che stiamo cercando.


Amate il pianeta food in ogni suo aspetto e avete uno sguardo aperto, curioso e critico per sondarne tutti i dettagli?
L'Associazione ha bisogno di appassionati come te. Ma non occorre solo passione. Il critico gastronomico è una figura scevra da preconcetti, simpatie o antipatie, che sappia comprendere le difficoltà dell’altra parte senza necessariamente giustificare. Insomma, la nostra sono guide che parlano di food, in ogni suo aspetto, compreso il contesto in cui viene servito.
Se ti senti pronto, se sei disposto a metterti in gioco e hai voglia di partecipare, allora sei la persona che stiamo cercando.

Al via "Identità golose": il connubio tra cucina e tv apre il congresso

E' pronto ad alzarsi il sipario su "Identità golose Milano 2019", il congresso internazionale, di cui Tgcom24 è mediapartner, dedicato alla cucina degli chef che quest'anno mette al centro il tema Costruire Nuove Memorie.

La quindicesima edizione di quello che è stato il primo congresso italiano di cucina d'autore si svolge al MiCo - Milano Congressi dal 23 al 25 marzo. A inaugurare l'evento, sabato 23 marzo alle ore 10.30 in Sala Auditorium, è un format innovativo dal nome "Identità Tv - 60 anni di alta qualità a tavola": un vero simposio di approfondimento per discutere e riflettere sulle più interessanti trasmissioni televisive dedicate alla cucina.


Il cibo e la storia della tv - "Identità Tv - 60 anni di alta qualità a tavola" rappresenta un'occasione per riflettere su un fenomeno che coincide con la storia stessa del tubo catodico: il cibo e la sua preparazione sono diventati, infatti, ingredienti essenziali di un’offerta televisiva che ha attraversato 60 anni della nostra storia. E lo ha fatto, e lo sta facendo, tramite la narrazione, l'informazione ma anche le inchieste e i format internazionali che tanto successo stanno riscuotendo. A raccontarlo, tra gli altri, lo chef Antonino Cannavacciuolo e il "re del cioccolato" Ernst Knam.

Conduttori e partecipanti - A condurre la discussione saranno Federico Quaranta e Davide Rampello con Paolo Marchi. E proprio a Davide Rampello (curatore e direttore artistico, dal 2013 conduttore della rubrica “Paesi e Paesaggi” di Striscia la Notizia) è affidato il primo intervento. A seguire toccherà ad Antonino Cannavacciuolo, Antonella Clerici, Corrado Assenza, Gioacchino Bonsignore (giornalista, scrittore e caporedattore di "Gusto TG5"), Giuseppe Bosin, Clelia D'Onofrio, Federico Fazzuoli, Ernst Knam, Isabella Poti e Dante Sollazzo raccontare, tramite i rispettivi interventi, come la cucina e il cibo abbiano caratterizzato i loro programmi e il loro modo di fare tv.

"Contaminazioni": dal dolce allo champagne - Sempre sabato 23 marzo è previsto l'esordio di "Contaminazioni", con protagonisti otto chef a cavallo tra le frontiere del gusto. Tornano, inoltre, "Dossier Dessert" e "Identità di Gelato" sul fronte dolce, così come "Identità Naturali", dedicata alla cucina green, senza dimenticare le bollicine di "Identità di Champagne".

 

Da Cracco agli chef internazionali - Domenica 24 marzo è la volta del tema del "Fattore Umano - Costruire Nuove Memorie": oltre agli chef nostrani Cracco, Alajmo, Berton, Oldani e Beck, è previsto il ritorno sul palco del peruviano Martinez e del turco Gürs, oltre all'esordio di grandi nomi internazionali come Avillez, Raue, Guerrero. In programma anche un imperdibile omaggio a Ducasse. Nella stessa giornata spazio anche a nove campioni in "Identità di Pasta" e a dieci talenti in "Nuove Identità, Italia-Mondo".

 

Gran chiusura con Bottura - L'ultimo giorno di congresso è affidato a Massimo Bottura che con altri quattro big (Dominique Crenn, Riccardo Camanini, Niko Romito e Enrique Olvera) ripercorre il tema del congresso. Largo anche alla lezione a due tra meastro e allievo con Lopriore e Gorini e al confronto generazionale al femminile tra Bowerman e Marrocco ma anche all'innovazione nel mondo della pasta raccontato da Ribaldone e Schingaro. Enrico Baronetto, Massimo Bottura, Giorgio Locatelli, Matteo Lunelli, Paolo Marchi e Alessandro Perricone sono anche pronti a raccontare l'arte dell'ospitalità italiana nel mondo. Si termina con focus dedicati alla pasticceria italiana contemporanea, al pane e alla pizza per concludere un viaggio di tre giorni che permette di percorrere il meglio della cucina in ogni sua forma.

Interventi e cooking show - Un totale di tre giornate nel corso delle quali si alterneranno, in sei diverse sale, oltre 130 relatori (di cui 21 donne e 19 chef stranieri) con oltre 100 interventi e cooking show sui diversi palchi.